Quale Apparecchio?

 

Esistono due grandi famiglie di trattamenti ortodontici.


L'ortodonzia funzionale e/o ortopedica, che si applica, principalmente, in pazienti in crescita, impiega apparecchi in genere rimovibili, avvalendosi delle stesse forze muscolari per guidare lo sviluppo della mascella e della mandibola e favorire il corretto riposizionamento dei denti. 


L'ortodonzia fissa, in genere applicata in pazienti adulti o in ragazzi in dentatura permanente, si avvale di apparecchi che solamente il dentista può togliere e, con forze meccaniche di fili ortodontici, molle ed elastici, permette il riposizionamento dentale. L'ortodonzia fissa si avvale eventualmente anche di estrazioni "strategiche" di elementi dentali sani, allo scopo di creare uno spazio indispensabile al buon allineamento dei denti malposti.

Gli allineatori invisibili, o quasi, sono delle mascherine trasparenti (aligner) e sono un’ottima alternativa all’ortodonzia fissa tradizionale. Il trattamento si compone di una serie di “aligner” rimovibili che vengono sostituiti circa ogni due settimane. Ogni mascherina è realizzata appositamente e soltanto per i denti del paziente grazie ad un programma di trattamento virtuale 3D che permette di sapere in anticipo quale sarà l'aspetto dei denti al termine del trattamento. Man mano che si sostituiscono le mascherine, i denti si muovono e settimana dopo settimana si raggiunge l’allineamento dei denti finale definito dall’Ortodontista.


Molto spesso, quindi, un trattamento ortognatodontico può essere composto da due fasi di trattamento: la prima funzionale/ortopedica e la seconda ortodontica con apparecchiatura fissa o con allineatori trasparenti.

L'apparecchio ortodontico è uno strumento con il quale l'Ortodontista riesce ad allineare i denti, al fine di ottenere una masticazione corretta e funzionale, una migliore igiene orale e una migliore estetica del sorriso.